Logo

facebook

twitter

youtube

rss

header-frame

qs15-tappa-05

Il Presidio di Libera “A. Montinaro” e il Comune di Mottola accoglieranno mercoledì 18 la Quarto Savona 15, l’auto sulla quale viaggiavano Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani, gli agenti della scorta di Giovanni Falcone, al momento della strage di Capaci. La teca arriverà alle ore 9.30 in piazza XX settembre, a seguire l’intonazione “Per la bandiera” a cura di Rossana De Pace e Dario Cantore e il saluto delle istituzioni; durante la mattinata e il primo pomeriggio i contributi delle scuole della città e della provincia e il percorso visivo “Dove siamo, dove eravamo” a cura del locale Presidio di Libera; in chiusura, alle ore 17.00, l’intervento di Michele Di Cillo, fratello di Rocco.

La tappa mottolese rientra nell’ambito dell’iniziativa “Sulla scorta degli uomini coraggiosi” promosso dalla Sezione Sicurezza del cittadino, politiche per le migrazioni ed antimafia sociale della Regione Puglia e dall’Associazione “Nomeni, per Antonio Montinaro” di Calimera. 

Quarto Savona 15 è il nome in codice della squadra cui era assegnata la tutela di Giovanni Falcone. Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani persero la vita, assieme a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, il 23 maggio 1992 alle 17.58 nell’attentato messo in atto da Cosa Nostra a Capaci. 

Matilde e Tina Montinaro, rispettivamente sorella e moglie di Antonio, hanno espresso il desiderio che la macchina su cui lavoravano Antonio, Rocco e Vito, potesse attraversare la regione in cui Antonio, Rocco e Vito sono nati e cresciuti. 

“La Puglia ricorda Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani – dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano – facendo tesoro della lezione di Carmela, madre di Antonio, che voleva onorarne la memoria come agenti della scorta e come uomini, attraverso i loro nomi, le loro storie, i loro valori di servitori dello Stato che hanno dato tutto per difendere la democrazia. Con la Quarto Savona 15 che percorrerà la regione da nord a sud viaggerà non solo la testimonianza di quanto accaduto, ma anche un messaggio di legalità e di lotta alle mafie che intendiamo rinnovare e rafforzare”. 

 “Per me, per Tina e per i suoi figli Gaetano e Giovanni - spiega Matilde Montinaro, sorella di Antonio - portare la teca contenente l’auto dal nome in codice Quarto Savona 15 rappresenta un messaggio importante per chi vuole capire veramente ciò che è stato quel 23 maggio di ventiquattro anni fa. La Quarto Savona 15 era l’auto apripista della scorta del giudice Falcone e su quell’auto Antonio, Rocco e Vito condividevano non solo le paure di quel momento ma anche sogni e soprattutto speranze. Per tutta la Puglia, da nord a sud, il suo passaggio significherà un momento di memoria condivisa e rappresenterà soprattutto la speranza che quella Croma possa continuare a camminare attraverso ognuno di noi, perché quella strage del 23 maggio in realtà non l’ha mai fermata”. 

Profilo Autore: Maya

L'Autore ha pubblicato 272 articoli finora. Maggiori informazioni su l'autore saranno presto disponibili.

Antonio Montinaro

antonio 2

La Nostra Campagna

Lm12

L'Italia sono anch'io

Social Media

Siti di Libera

 

libera2

informazione

viaggiare

terra

terra